Sta per tornare il Grest per i giovani ed è sempre una… “Bella Storia”

Prenderà avvio il 10 giugno la nuova estate del Grest, ma l’organizzazione già da qualche giorno è entrata nel vivo. Sono quasi duecento i giovani che, in qualità di responsabili e animatori, accompagneranno in questa esperienza oltre quattrocento bambini e ragazzi che fino al 28 giugno trascorreranno le loro giornate a Sant’Apollonio all’insegna del divertimento e della comunione. Di un divertimento sano, che avrà al centro la Parola di Dio, perché, come da tradizione, il Grest castellano – giunto alla sua cinquantaduesima edizione – è una importante occasione di evangelizzazione, cioè di incontro con Gesù attraverso giochi, catechesi, laboratori e gite. Momenti importanti per vivere e condividere lo spirito del Vangelo di Cristo.

Se due estati fa, con l’edizione “DettoFatto”, ci siamo scoperti custodi della meravigliosa opera creatrice di Dio, e l’estate scorsa, con “AllOpera”, ci siamo rimboccati le maniche e messo le mani in pasta con il mondo, riconoscendoci co-creatori con Dio e capaci di cose molto buone; con l’edizione che sta per iniziare, saremo impegnati, da protagonisti, nella bella avventura del “diventare grandi”. “Bella Storia” è, infatti, il titolo del Grest 2019: una bella storia che è la vita di ciascuno di noi, a partire dalla vocazione, ossia dal bene che Dio ci promette (come ha promesso a Mosè dicendogli: “Io sarò con te”) e che, per realizzarsi, attende la nostra risposta coraggiosa, il nostro “sì” appassionato. Un “sì” che passa attraverso quattro parole chiave, che guideranno le settimane di Grest: nascere, crescere, desiderare e compiere.

E quale storia, se non quella di Pinocchio, esprime meglio questa avventura? Un burattino di legno (segno del creato) che, lavorato dall’intraprendente e un po’ ingenuo Geppetto (segno del fare dell’uomo), vive le sue peripezie fino a fare della propria vita qualcosa di grande, diventando un bambino vero! Una storia di crescita, una storia “ordinaria” che, in fondo, calza perfettamente su ciascuno di noi.

E per prepararsi adeguatamente all’estate che li attende, responsabili ed animatori saranno impegnati in diversi incontri di formazione, nei quali acquisiranno le necessarie competenze educative, teologiche, relazionali, indispensabili per accompagnare adeguatamente bambini e ragazzi che gli verranno affidati. Non resta che darsi appuntamento al 12 maggio a Cerese, per una giornata dedicata proprio a responsabili ed animatori di tutta la Diocesi di Mantova, col “PartyGrest”.