Don Giampaolo Ferri chiude il ciclo di incontri sulla “buona” Comunicazione

Il tema dell’animatore della comunicazione della cultura è ancora poco frequentato nella pastorale delle nostre parrocchie. Ultimamente l’arrivo massiccio dei “social” dentro il respiro comune sta accendendo qualche attenzione. Qualcuno cerca di voler recuperare in pochi mesi la distanza. E non pochi sono gli scivoloni evidenti, da parte di improvvisati animatori della comunicazione parrocchiale. Eppure questa figura, che metteremo a fuoco nell’incontro di lunedì 18 marzo, è invocata nella chiesa italiana dal 2004, come necessaria alla stregua del catechista o del cantore liturgico, ed esiste addirittura un Direttorio della CEI ad essa dedicato.

Non mancano dunque le ragioni per ritrovare uno spazio di considerazione seria su questa figura che, oggi più che mai, richiede una nuova attenzione, non più rimandabile. Il Direttorio della CEI, pur con qualche limite oggettivo (il tempo cambia velocemente la tecnologia) porta in sé intuizioni assolutamente attuali, da prendere in considerazione per metterci al servizio dell’annuncio del vangelo in questo tempo. Il tempo del web, dei social… Ne parliamo lunedì 18 marzo alle 20.45 presso la Sala camino del museo MAST di Castel Goffredo, nell’ultimo incontro dedicato alla “buona” Comunicazione