Il ritiro spirituale a Molveno per i giovani di prima media di Castel Goffredo

Dal 28 al 30 aprile i ragazzi di prima media hanno trascorso tre giorni di ritiro spirituale nella fantastica cornice della località Pradel, a Molveno. Lontani dalla televisione, dai videogiochi e dal cellulare, guidati nella riflessione da don Giuseppe Bergamaschi e dai catechisti, hanno potuto immergersi nelle opportunità che la natura ci offre per riflettere su Dio. In preparazione del Sacramento della Cresima hanno potuto “toccare con mano” il perché di alcuni dei simboli che rappresentano lo Spirito Santo: Vento, Fuoco e Acqua.

L’aria necessaria alla vita, il vento che muove le foglie, che spinge il fumo; l’acqua che consente la crescita di verdi foglie, che rinvigorisce, che scorre scavando la roccia, che lava e purifica; il fuoco che consuma, che arde, che illumina la notte buia…

Dopo un primo difficile momento di approccio a questa esperienza totalmente nuova, i ragazzi hanno pregato, cantato, camminato, giocato. Si sono trovati sempre mescolati nelle attività, nelle stanze, nei giochi e a tavola: in questo modo hanno scoperto nuove amicizie e soprattutto hanno imparato ad essere “comunità”. Hanno capito che si può imparare anche divertendosi.

Certo tre giorni sono pochi e di lavoro da fare ce n’è ancora. Ma è stato un passo importante per la loro maturità, anche religiosa. A fianco della magnifica esperienza spirituale, che i ragazzi hanno immediatamente raccontato ai genitori con tanto entusiasmo, un grazie particolare va al team delle persone addette alla cucina, che ha saputo appagare la fame, non solo spirituale, dei nostri fantastici ragazzi.