La Giornata Mondiale del Malato sotto il segno dell’amore gratuito

Ogni anno l’11 febbraio si celebra la Giornata Mondiale del Malato, istituita da Giovanni Paolo II° nel 1992. Quest’anno sarà la 27esima giornata, col motto suggerito dal Santo Padre: “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date” (Mt. 10,8). Queste le parole pronunciate da Gesù, quando invitò gli apostoli a diffondere il Vangelo, affinché il suo Regno si propagasse attraverso gesti di “amore gratuito” (dal messaggio del Papa per la Giornata del malato 2019).

Anche la parrocchia di Castel Goffredo, unitamente al C.S.V. – Centro Volontari della Sofferenza, da diversi anni celebra la Giornata del Malato; quest’anno sarà lunedì 11 febbraio, con la celebrazione alle 10.30 della S. Messa a cui sono invitati in modo particolare gli ammalati, con la possibilità di ricevere il sacramento dell’Unzione degli infermi.

Con queste celebrazioni, si è voluto valorizzare questo sacramento, fino a qualche tempo fa chiamato “Estrema Unzione”, perché inteso solo come conforto spirituale nell’imminenza della morte. L’Unzione degli infermi, invece, ci aiuta ad accettare meglio l’esperienza della malattia e della sofferenza, nella misericordia di Dio.

Le persone ammalate o anziane che desiderano ricevere l’Unzione degli infermi, possono fare richiesta in parrocchia, e per coloro che sono impossibilitati a partecipare alla S. Messa, il sacerdote passerà a domicilio.

Rosanna Artoni (componente Consiglio diocesano – C.S.V. Mantova)