Gli auguri delle nostre Suore Orsoline del Sacro Cuore di Gesù

Carissimi,

mai, come in questo periodo di pandemia ci siamo sentite tanto vicine a voi e vi abbiamo sentito vicino, senza poterci incontrare, parlare, stringerci la mano o incoraggiarci e sostenerci con un abbraccio. Il tempo attuale ci dice che possiamo fare tutto, ma in modo virtuale. Ma quanta fatica…

Questi giorni di passione ci portano a pensare e pregare per tutte quelle famiglie che sono state colpite dal lutto, per la morte dei genitori, fratelli, figli, parenti, amici. Anche noi ci siamo chieste il perché di tutto questo; non troviamo risposta se non nella fede e nella preghiera, pur sapendo che non ci tolgono la sofferenza e il dolore del momento. Ci torna alla mente una frase di papa Francesco nella preghiera fatta in una piazza S. Pietro vuota apparentemente, ma gremita di persone che hanno seguito dai media: “La fede non è tanto credere che Tu esista, ma venire a te e fidarci di Te!”. Aiutaci Signore a fidarci di Te, ed accettare ciò che la nostra mente non ci fa comprendere, a capire che senza di Te non possiamo fare nulla!

Viviamo una Pasqua difficile che non dimenticheremo… possiamo però sentirci uniti soprattutto nelle celebrazioni, anche se non ci incontreremo in Chiesa; il pensiero e lo spirito possono andare lontano con la creatività dell’amore e farci sentire un’unica famiglia.

In questi giorni di chiusura dell’oratorio, si è sentita la mancanza della vivace presenza dei bambini/e, ragazzi/e, animatori; abbiamo tenuto tutti presenti nella preghiera, sperando che questo periodo non sia solo di privazioni e di solitudini, ma anche di riflessione e possa giovare ad una ripresa sempre più attiva e responsabile.

Con questo vogliamo dire un grande grazie ai nostri sacerdoti per l’interessamento che hanno avuto per noi in questi giorni di quarantena, alle persone che si sono prodigate per non farci mancare niente, alla protezione civile, alla Farmacia, al nostro medico di base e a tutti coloro che tramite il telefono non ci hanno fatto sentire sole. Che il Signore ricompensi tutti con le sue grazie.

A tutti il nostro augurio che sentiremo il mattino di Pasqua: “Non abbiate paura! E’ risorto, non è qui”. Lasciamo che il Cristo Risorto posi su di noi il Suo sguardo e capiremo che non siamo soli ma amati, perché il Signore non ci abbandona mai! Con questa certezza, insieme ai discepoli di Emmaus diciamo: “Rimani con noi Signore perché si fa sera!”.

A tutti auguri di una Santa Pasqua!